Ricorda

Plumbea l'aria,
opprimente.
Saturo di angoscia
un brivido mi scuote.
Le vedo ancora, sono lý,
anime vaganti
giÓ morte
prima di essere uccise.

Silenziosi pianti,
soffocate preghiere.
Implorano la morte
dolce compagna del loro
interminabile viaggio.

Infiniti gli attimi
Trascorsi nel buio dolore.
Occhi freddi, insensibili,
sprezzanti li fissano:
non traspare alcun velo di pietÓ.
Eppure anche loro
sono uomini.

Nera l'aria,
gelida.
Ricopre con il suo
nevoso manto
la dolce terra
l'inverno.
Impronte scalze
di donna.
Uno sparo,
vermiglio sangue.

Tersa l'aria,
pietrificante.
Braccia nude,
faticosi sospiri,
sfinite cadute,
urla rimproveranti.

E' giÓ notte ormai,
purtroppo.
Un altro giorno Ŕ passato,
annientante.
Dio, dove sei?
Sei nella cupa aria?
Sei nei freddi sguardi?
Sei nei tristi cuori?
Sei nella membra stanche?

Urla strazianti,
improvviso silenzio.
Erano vecchi coscienti,
erano sguardi senili,
erano memorie rincuoranti.
Erano bimbi giocosi.
Erano sorrisi puerili.
Erano i volti delle speranze.
ChissÓ… forse anche loro
sognavano.

Quieta l'aria
ora,
finalmente.
Tormenta le nostre anime
una sottile brezza,
gelida e penetrante:
- Ricorda -

Clicca per ingrandire l'immagine
Varsavia, 1943
Clicca per ingrandire l'immagine
Auschwitz, 1944
Clicca per ingrandire l'immagine
Ungheria, 1944
Clicca per ingrandire l'immagine
Bergen Belsen, 1945
Clicca per ingrandire l'immagine
Vietnam, 1972

Kosovo, 1999
Clicca per ingrandire l'immagine
Gaza, 2000
Clicca per ingrandire l'immagine
Palestina, 2000
Clicca per ingrandire l'immagine
Palestina, 2001
Clicca per ingrandire l'immagine
Kabul, 2002
Clicca per ingrandire l'immagine
Baghdad, 2003
 

.

 

Marta Mancini

 
Indietro