Turms


INDIETRO

AVANTI

Stampa

di Anzio Risi

Clicca sull'immagine per corrispondere con l'autore



Turms - Bronzo proveniente da Vulci,
ora conservato al Museo del Louvre di Parigi
Turms - Bronzo proveniente da Vulci,
ora conservato al Museo del Louvre di Parigi

Turms era la divinitÓ etrusca che trovava un corrispettivo nel mondo greco in HermŔs, il messaggero degli dŔi.
Il suo nome ci Ŕ noto attraverso le iscrizioni presenti su molti specchi, a cominciare dalla seconda metÓ del V sec. a.C.
Lo troviamo rappresentato soprattutto in scene mitologiche (Giudizio di Paride, Nascita di Athena), ed i suoi attributi sono il cappello del viaggiatore (pŔtaso) a tesa larga  e il caduceo; in seguito si aggiungeranno i calzari alati e le piccole ali sul copricapo; generalmente indossa un corto mantello o un chitone.
La sua funzione principale Ŕ quella di messaggero di Tinia, altre volte di accompagnatore delle anime nel regno di Hades. In quest'ultimo ruolo viene denominato Turms Aitas (ossia Turms di HÓdes), l’equivalente greco dell'HermŔs psychopomp˛s.
Non si ha invece documentazione che attesti il ruolo di Turms in attivitÓ legate al commercio ed al guadagno, caratteristiche invece dell'HermŔs greco.

Il giudizio di Paride: dietro ad un vecchio con barba si nota Hermes che conduce le tre dee al giudizio: Hera con mantello sulla testa, Athena con la lancia e lunga veste decorata, per ultima Afrodite con chitone. Anfora proveniente da Vulci, giÓ collezione Candelori, ora all'Antikensammlungen di Monaco
 



 


 

TORNA SU