HOME VULCI

La Necropoli dell'Osteria

A nord della cittą si estendono le necropoli settentrionali di Vulci, comprendenti i sepolcreti di Poggio Maremma e dell'Osteria, quest'ultimo a sua volta includente il nucleo villanoviano di Poggio Mengarelli, toponimo con cui si indicano tre modeste alture a nord del Fosso della Cittą.
Per raggiungere le necropoli settentrionali partendo dal castello occorre girare a sinistra e percorrere circa 900 metri sulla provinciale quindi girare ancora a sinistra, dopo qualche centinaio di metri si prende a destra e si giunge a destinazione, proprio nei pressi del ristorante denominato “Casale dell’Osteria”.
 

Argomenti correlati
Necropoli dell'Osteria

> Tomba dei Soffitti Intagliati
> Tomba della Panatenaica
> Tomba del Pittore della Sfinge Barbuta



Una veduta attuale dell'area della Necropoli dell'Osteria
 

Le tombe, per lo pił del tipo a camera con vestibolo a cielo aperto, sono ricavate in un banco tufaceo di mediocre compattezza poco adatto, a differenza del pił compatto calcare che caratterizza le necropoli orientali, alla realizzazione di elaborate tipologie architettoniche.
 

Delle numerose tombe scoperte nelle campagne di scavo del secolo scorso ci resta una documentazione assai imprecisa, da cui comunque sappiamo del rinvenimento di monumentali ipogei, oggi purtroppo non pił localizzati, come la Tomba del Sole e della Luna (con tutta probabilitą tipologicamente affine e topograficamente vicina alla nota Tomba dei Soffitti Intagliati) e la Tomba Campanari, ipogeo dell'etą ellenistica decorato con affreschi parietali di cui si conservano al Museo Archeologico di Firenze le copie realizzate nel secolo scorso ed un bellissimo capitello in stile corinzio rinvenuto all’interno dell’ipogeo. Di rilievo inoltre gli ipogei della Panatenaica e del Pittore della Sfinge Barbuta, i cui corredi sono conservati presso il Museo Nazionale di Vulci.

Capitello rinvenuto all’interno della Tomba Campanari nella Necropoli dell'Osteria. 
Museo Archeologico di Firenze

Capitello rinvenuto all’interno della Tomba Campanari nella Necropoli dell'Osteria.
Museo Archeologico di Firenze

 
 

TORNA SU