CACCIA E PESCA

(1)

 Micone ce l'avea tanta passione
 con due canette se n'annava a caccia
 lo sanno le spinose
[1] del bucone
 c'ha tutte ha messo qualche pauraccia
 Da Cavalupo cento imprecazione
 je so’ arrivate su da 'na volpaccia
 ch'a forza d'abbaiar le sue canette
 je l'hanno tanto impaurite le volpette
 
 Al Boricco hanno pianto due tascette
[2]
 che la sua mamma, pe' cacciarlo el cane
 le lasciò senza zinna, piccolette
 poichè del tutto erano profane
 non sapeva ch'a faje le dispette
 annava il cacciatore col suo cane.
 Cosi diceva: “Mamma tu sei ingrata
 ce lasce sole senza 'na poppata”.
 
 Si pure mamma quella era chiamata,
 benchè appartiene al regno animale
 a la famiglia e tanto appassionata,
 protegge i figli a chi je fa del male.
 Dice tra sè: “Se te do 'na rampata
 te vojo mascherà pe' carnevale.”
 Mò ce mancava che morisse il cane
 p'annacce a dà fastidio a le cristiane.
 
 Laggiù nel fiume va e stende le mane
 a queste, a quelle a chi je da un banchetto.
 E se sente che parlano toscane
 Je vò ‘na pizzicata nel secchietto.
 Dice: “ A Canino vengono domani”.
 Insomma con tutte lo fa el poveretto,
 poe se mette a pescar, non ci riesce
 


[1] istrici

[2] piccoli di tascio


 

(2)

E' bono solo a scanascià el pesce.
Mo' c'e Caprari, se non gli rincresce,
pure per lui c'è qualche cosetta.
Se meglio di Micone ce riesce
ma quando parla non gli date retta,
è bono a dì che quanno abbecca il pesce
un omo po' chiappallo 'na sacchetta
poi se l'ascolti e gli presti attenzione
te fa pià la testa de cercone.

Raimondo va a la foce del Timone
c'e la cartiera, fa la torbidina
lui spera che lì abbocca un capitone
ma invece un'anguilletta fina fina
la prima prova la fa al bottagone
e la seconda lancia a correntina
quando l'amo in un sasso s'e attaccato
dice: “Che pesce grosso m'ha slamato!”

C'e il maestrino che pare dannato dice:
“Se vò a pescar giù nel Timone
qualche barbetto l'ho sempre chiappato,
due tre rovelle con qualche mozzone;
a la Fiora so’ proprio scarognato
se pesco al largo o se vo' al bottagone
butto la lenza in tutta la giornata
non so’ capace a vadè 'na boccata.

La pesca mamma mia che fregata
l'ho inteso dì più volte a Marinacci.
Oggi la roba è tutta rincarata
ma non se po' annà in giro con le stracce
per quanno 'na persona s'e attrezzata
te torna mejo a pesca non annacce.
 

(3)

Io che a caccia ciò per passione
ogni anno me ce vonno due vestite,
ventriera, schiappa con le munizione:
ecco le solde belle che finite.
Uno che avanti va con la pensione
cià poco da scialà; voe me capite.
Poi con la fregata che m'a tocca
me s'è infilato l'amo nella bocca.

Fra canna, molinello e stivalane
poi tutto ‘l resto te se ricompone.
Ma c'è Frescotto guai a chi lo tocca,
questo pel pesce cià pure il richiamo.
A la carpa dice: “Vieni, o cocca,
da tanto tempo non ci conosciamo,
tirete un po’ più qua, non fa la sciocca,
guarda che belle lesce ciò nell'amo.
Son Frescotto che sempre ti pensa
però ti prego, non strappà la lenza."

Peppe Alati ce l'ha tanta prudenza
se prende un pesce mentre che lo stacca
lo stringe poco e fa con avvertenza
ha paura che in mano je la fa cacca
o per non faje male con la lenza
ha paura che il labbro je se spacca.
Se e vero ciò che m'hanno raccontato
sentite un giorno cos'ha combinato.

Un suo cugino tanto appassionato
s'era messo a pescar dentro un fondale.
Al fine sente l'amo c'ha tirato
e se n'accorge ch'è un grosso animale
Allenta e tira, dentro è scivolato
per poco non si prende la spaziale
e finalmente sante a mano a mano
che s'e stancato l'animale strano.



 

(4)

“Aiuto Peppe, viemme a da 'na mano,
che final mente je l'abbiamo fatta.
Oh Dio, ho acchiappato un animale strano
è lungo un braccio, largo 'na ciabatta,
tirava quanta un toro maremmano,
vedo solo la testa, l'ha un pò ciatta”.
Parte di corsa Peppe, si avvicina
senza neanche guardar dove cammina.

“Mica sarà per caso 'na Regina?”
“Guarda se in testa porta la corona”.
“E' proprio lei cià il manto un pò rossina
hai da vedè che bella pacioccona!”
“Oh se sapessi come se cucina
chissà ripiena al forno quant’è bona.”
“Guarda Carletto, t’aiuto a chiappalla,
però promette almeno d'assaggialla”.

“Se la magnamo insieme calla, calla.
Adesso scenne giù, fa piano, piano,
io tiro il filo,te la tengo a galla,
tu mette sotto tutte e due le mano,
però non te ce matte a carezzalla,
daje 'na spinta buttela lontano.”
“Non te preoccupà, Carletto mio,
che quello c'ho da fà ce penso io.”

“Adesso te fo vede 'ndo la pijo
tanto questa è morta o s'è svenuta”
“Ma non ce stà a scherzà, mannaggia io,
che se si rompe il filo ce saluta”.
“Lo diche tu, ma non lo dico io,
mo l’ha da fà con me questa fottuta.
Adesso te fo vade 'ndo se pija,
viene qua, viene qua, bellezza mia.”

Ma di mano je scappa e fugge via.
“Mannaggia quel latraccio birbaccione




 

(5)

dice Carletto “porcaccia Maria,
ma che l'aveve preso pe' un montone,
pe' la coda il sumaro ce se pija,
mò al forno ce cocemo 'ste cojone,
sia maledetto quanno ciò pensato
quant'era mejo non t'avevo chiamato.”

“Pazienza, Carlo mio, me so' sbagliato
sapeste, ciò un rimorso che m'accora,
tu hai fatto tanto, sei tutto bagnato,
l'hai tenuta a capezza per mezz'ora
io appena la coda jo' toccato
l'ho rifatta fuggì giù pe' la Fiora.
Dice a 'sto punto: “Carlo e mò che famo?”
Non vede io che fò, stò fa sù l'amo.”

“Certo quanno è così mejo che annamo.
Ma mo le case vanno malamente,
alle signore che je raccontamo
che annamo a casa presto e senza niente?
Bisogna 'na bugia che se 'nventamo.”
“Sì la paura è stata de un serpente,
stava sopra 'no scoglio a la solina
co' 'na zampa più grossa, una più fina”.

“Io je dico che ho visto 'na regina
stava a fà el bagno là mezzo alla Fiora
avea la pelle liscia, era carina
la testa bionda e negli occhi era mora
m'ha fatto venì in bocca l'acquolina
però non è voluta scappà fora,
se vede che de me se vergognava
o perchè c'era el re che la guardava.

(6)

Mò se l'amante è là che la guardava
je faceva veda un pò de cosette,
mentre io so vecchio è tutta 'n'altra cosa
e per questa facea la vergognosa.”

Dice Carletto: “Io sto a pensà 'na cosa:
Tu dì che me so inteso poco bene,
io dico che la canna è faticosa
e oggi a te dolono le rene
e poe co' 'sta giornata nuvolosa
il pesce a magnà non ce vedeva bene,
così. per risparmià un po' de bachette
abbiam pensato annà a casa dirette.”


Sai 'na regina quanno che se lava
mica stà a risparmià le saponette
pe fasse rivà tutta dalla bava,
se leva el reggiseno e le braghette.
“Bella trovata non ce so sospette,
diranno: - che marite premurose!
Ce risparmieno pure le bachette,
figuriamo se risparmia l'altre cose.
Come possiamo venì poverette,
co' ste marite così giudiziose.”
A nojiresta el ricordo de ‘sta sera
la regina c'è ita a dà querela.