EL MARITO E LA MOJE

Il fontanaro è 'na degna persona
ma come tante se va a fa el quartino.
La moje, che del soldo e un po' ghiottona
je fa le conte come a un ragazzjno
ma lue, per tutto questo la perdona
non adopera nè la mano, nè 'l frustino
mette le ferre dentro a 'na cassetta
e invece de un quarto sa fa 'na fojetta.

La sera tarda, la moje l'aspetta;
quanno rientra dice: “'ndo see stato?”
"Quella fontanellaccia maledetta
sapeste quanto me ce so addannato
era tutta spanata la chiavetta,
il tubo era tutt'acciavattato
questo succede a un poro fontanaro
ho chiesto poco e dice che so caro".

Ma la moje pero 'n ce vede chiaro
quanno lue je dice che ja chiesto poco
e sotto sotto dice: “Amico caro
ti durerà finchè te scopro el gioco,
tu me ce coppe come el molinaro
co' le bugie ce lo spegne el foco.
Me sa che tu le selda che riceve
so più de la metà quelle che beve”.

Così se strugge come fa la neve:
la guardi in faccia ti sembra di gelo.
Pel fontanaro la cosa adè lieve
come el cavallo se lo sgrulla el pelo:
” Tu daje a chiacchiera ch'io penso a beve
vedemo a chi fa prima a toccà cielo
quanno di chiacchierà vedo la smette
me bevo un litro uguale a du' fojette".

Dice la moje: “ Me fae le dispette
voe bene solo a chi mette cannella,
a me solo quand'eramo sposette
perchè ero fresca, colorita e bella;
allora me faceve - bau sette-
diceve ch'ero come 'na ciammella,
ma mò di me, tutto te see scordato,
te sento solo se te puzza el fiato".

Lue dice: “ Moje mia, me so invecchiato
ma non credevo che facea st'azione.
Si qualche volta prima ha scioperato
ma mò s'è messo proprio in un cantone.
A volte je dico -disgraziato! -.
Lue me dira fra sè: “quant'el patrone”
Insomma che ce voe fa, cara mojetta?
Tu pensa a casa, io penso a la fojetta».