EL PROFANO AL GIOCO DEL PALLONE

(1)

Un giorno andiedi al gioco del pallone,
la prima volta, non c'ero mai stato.
Appena lo vide me fè 'n'impressione
che solo il nome je cianno azzeccato;
forse sarà che me ne intendo poco
ma m'è sembrato buffo 'na maniera
a vedè tanta gente assiste al gioco.
Poi vide pronta l'una e l'altra schiera
se mettono a tirà tutte zampate
se non vi dico a chi ‘n ce ‘ndovinate:
che proprio queste ce l'hanno portato.
Beh, dice, sa fosse un mal capitato
che tu cammine e manco te ne avvede
a 'n tratto te lo sente tra le piede,
allora je poe fa «mor ammazzato»
come per esempio nel campetto mio
ce trovo un rospo 'n mezzo a le faciole
a quello si je dico «arnico mio
e chi te cià mannato a piatte '1 sole».
Allora 'na zampata a più non posso
cerco da ributtarlo mezzo al fosso;
ma quello peticchiato bianco e rosso
cad'è la gioia de le ragazzine
sa da vedè che 22 assassine
je danno le zampate a più non posso,
e poi le chiamano campione.
Gia l’ho viste da come so vestite,
poracce, 'n cianno manco le calzone
robba da pijà 'na polmonite:
cianno 'na maja che non è la sua
non so se je la passa 'l patronato,
cianno 'n par de mutande a bracalone
cianno le scarpa con le calzettone,
me pare de vadè un gallo 'mbracato.
Insomma io non faccio per dì male
 

(2)

ma dopo un quarto che facea ‘sto gioco
s’erono ridotti in modo tale
che quello che ve dico , dico poco:
chi ciaveva un ginocchio scorticato,
chi nel cadè, batteva col sedere
così chi le mutande l'avea bianche
mò pure quelle ciavea nere.
Insomma facea certe ruzzolone
ma quello che di più mi facea pena
fu quel disgraziato de pallone,
che non sapeva più ‘ndo s'annà a sbatte
benchè cadeva a terra tramortito
gonfiavano zampate come matti.
Allora io je strillavo «ma che v'ha fatto?
Vedete fate piagne iI ragazzino».
Infatti je piagneva come un matto.
La mamma je diceva «zitto carino
quello è la palla de le giocatore,
la mamma te la compra la di fuore».
Ma io fra le strille e le rumore
gridae più forte, e gli face al pallone:
“quanno sei nell'aria scappa fore,
viette a nasconde tra le persone”.
Sembrò che questo m'avesse capito
se trovò preso tra due giocatore,
uno con un calcio lo mandò spedito
fuori dal campo ‘n mezzo a le signore
ma l'altro in mezzo a l'avversario
lo stese come Cristo nel Calvario.
Corrono tutti, corre l'arbitrario
mentre quello gridava dal dolore
a ‘n tratto quello lì che comandava
fa «fate largo che passa el dottore».
Ouesto appena lo vide a terra steso_
ha fatto: «su coraggio dove t'ha preso,
qual è la coscia ch’è da massaggialla?».
Ma il poveraccio a terra disteso
altro non facea che dì «oh la mia palla! ».
 

(3)

E l'arbitro gli ha detto «brutto scemo
pensa pe’ te, nun pensà a la palla,
vedrai che quella la ritroveremo».
El dottore ha fatto «quale palla?»
come volesse di «ma tu sei scemo,
questo sta pieno de reputazione
te dice la palla pe’ nun di cojone».
Ma mo ‘sto disgraziato de pallone
che dalcampo se nè annato fuori,
si c’è 'nnato a finì tra le persone
però è finito in mezzo a due signore.
Queste pe’ fasse vedè donne oneste
che non hai mai giocato col pallone
una ha gridato «che mode son queste,
vattene brutto sporcaccione ».
l'altra dice «vattene sfacciato,
sei venuto a sporcamme el vestito?»
Con tutte e due le mani l'ha lanciato
in mezzo, là dove era partito.
Hai vista tutte quante ‘ste campione
appena se ne accorge del pallone,
lasciano quello lì steso per terra,
hanno fatto 'na parte neanche a 'n boia.
De novo se scatena 'n'antra guerra
solo el poveraccio 'n cià più voglia .
che lo portaro via con la barella
grida «Oh Dio» e minsonava quella.
Davante a me ce stava un ragazzotto
non so ciavea l'amice in mezzo al gioco.
Ouesto ogni tanto glie facea sotto
e dae appiccia e attacca el foco
ciavea 'na zampa mezzo a pendolone,
facea le verse de menà al pallone.
Gli ho mesurato un pugno sul groppone
ma nun sapevo come annà a finì
se no je dicevo "brutto mascalzone
non te basta quello che je fanno quelli lì?».
Un signore che stava a me vicino
m'ha detto lascia parde non ce badà
 

(4)

se el giovanotto fa 'n pò lo smanioso
quest'è il tifo che je lo fa fa».
«Ah, mò c'è pure el male contagioso»
dico io «e non è incosciente
se cià 'n fio malato un genitore
mannallo proprio qua mezzo la gente
co' un male che s'attacca e ce se more?».
Sto signore con aria un pò molesta
se rigiro di là, sgrullò la testa.
Ma è mezz'ora che dura ‘sta festa
a furia de zampate a ‘sto pallone
chi je dava de petto chi de testa
j'annava a sbatte in tutte le cantone.
Infine jannò a sbatte ne la rete
gridava «avemo vinto» le persona;
mentre un poche gridava «che frignone!». ù
A Roma, e cambialo er portiere
sennò quanno a a fine de stagione
ce scrivemo er mijardo co li zeri
el ragazzotto che faceva lo strano,
appena visto quello ch'è successo
s'e messo a fa «go..go..»» e batte le mano.
Jo detto “son contento che il Signore.”
Questo, indignato e pieno de stupore
si girò s'alza su con uno scatto,
le palle mezzo gli venne fuore,
te reggirava I'occhie come un matto
e co' la faccia peggio d'un fetente
m'ha dato del voe, ma che me disse!
Come se vede che nun capite niente».
Un altro poi mi disse differente
“se vede in casa tu ciae tante sorde
pe venì dentro a disturbà la gente,
sta attento qualche volta 'n te ricorde
d'avecce preso qualche sciacquadente».
Allora a un certo punta l'ho capita
abbandono il campo e tutta la partita.