IL CONTADINO

Son contadino e son contento
non invidio paese e città
e non ho paura dell'acqua e del vento
un raggio di sole mi scalderà.
In campagna c'e l'aria pura
è più sicura della città
non c'è lo stress non sento rumore
sento l'ucelle che stanno a cantà.

Sento mia moglie mentre cucina
se 'l vento tira che viene di là.
All'ora di pranzo quanno me chiama
se non la sento me viene a cercà.
Quanno me trova me da 'n bacetto
c'e 'n ucelletto ce sta a guardà
ma l'ucelletto ce fa l'onore
svolazzanno di qua e di là.
 

E si nella vigna famo l'amore
l'ucelletto se mette a cantà.
e si nella vigna famo I'amore
l'ucelletto se mette a cantà.

Son contadino e sono contento
perchè me sento in libertà
non tengo 'n'arte non ciò 'n’impiego
me ne frego della città.
Ciò l'ovo fresco ciò la gallina
frutta e verdura la terra mi da
'l vino bono lo tengo in cantina
quanno me tira lo vado a cavà.


E vieni in campagna che te conviene
se sta più bene de la città.
E vieni in campagna che te conviene
se sta più bene della città.