QUANTA GENTE A 'STO PAESE

Quanta gente a 'sto paese
la metà son Caninese
che fra Cellere e Piansano
e Montalto e Tessennano

abbiamo fatto l'insalata
ma tant'erba s'e mischiata.
Sardegnoli e Calabresi
tutte qua vonno venire,

accadrà che qui a Canino
tocca a fa come a Berlino
ch'anno alzato un muraglione
pe’ paralle le persone.

Ma in compenso i cittadine
son tre quarti contadine
rimanenti tutti quanti
so' artigiane e commerciante.

Muratori son parecchi,
ma lavoran poche ore
perchè dice col sudore
poca calce ce se fa.

Quattro, cinque falegnami
fanno quel che posson fare
ma se fanno ben pagare
dal cliente che ce l'ha.

Ce stan pochi maniscalchi,
sei meccanici più alti
se te fanno un lavoretto
te lo votano el cassetto
però sanno quel che fa.

poe ce so' le molinare
stanno sempre a piede pare
gente ormae specializzata
fa la semola capata
el tritello non ce sta.









 



 

Ce so' quelli del frantoio
dicon sempre c'è poco olio
se t'aumentano 'na goccia
te lo pesano con I'oncia.

Poi ci sono l'esercente
molto bravi ed accogliente
quanno spesa ce va fare
è un piacer quanto so care.

poe ci abbiamo le barbiere
le su mani assai leggere
ma se voi ce fate caso
a tutte prendono pel naso.

Poe ci abbiamo l'impiegate:
questi qui che cosa fan?
Fanno come l'insegnante
che ci impara a tutte quante
come s'ha da scioperà.

Poe ce son le contadine
tante magre come grasse
tutti piangon le quattrine
quando va a pagà le tasse.

Tutti guardano per aria
per vedè se el tempo varia,
se va male la stagione
'na cambiale per cantone.

Il contadino è scontento
non pole scioperà.
Si chiede l'aumento
sua moje che je dà?

Dirà che nel cassetto
le solde non ci so',
“ Si voi annamo a letto
un'altra cosa ti darò”.