Cattivismi
Rubrica contro il "buonismo" che ha rincitrullito l'Italia ma ancora non del tutto gli italiani

HOME RUBRICA

Stampa

 

di Up

Scrivi all'Autore

La stabilitÓ di Letta ci porterÓ tutti al cimitero?

Non Ŕ una nostra riflessione ma il titolo di un articolo del Wall Street Journal

 

 

Ricordiamo vagamente gli anni in cui i tg nazionali e i grandi giornali cominciavano a scoprire e ad enfatizzare i commenti della stampa estera sulla situazione economica italiana. Gli italiani scoprirono l'esistenza di una nuova entitÓ di condizionamento esterna, che veniva presentata come assolutamente indipendente, sensata e credibile. La situazione economica italiana veniva descritta dalla stampa estera come disastrosa e i  governi erano ritenuti inadeguati,  la tv e i giornali italiani concordavano con queste autorevoli opinioni.

Nel frattempo i governi sono cambiati ed oggi la situazione economica Ŕ persino peggiore di allora. Un autorevole giornale estero, il Wall Street Journal, qualche giorno fa ha titolato: "La stabilitÓ di Letta Ŕ come quella del cimitero?". PerchŔ nessun TG ha riportato lo scomodo titolo e il preoccupante contenuto dell'articolo? Evidentemente oggi i giudizi della stampa estera contano solo quando sono positivi, la credibilitÓ (?) nazionale non si pu˛ mettere in discussione. I sondaggi dicono che il governo attuale ha raggiunto il minimo storico di gradimento, ma anche di questo non c'Ŕ traccia nelle notizie e nei commenti che ci forniscono i bravi telegiornalisti italiani. La deriva dell'informazione Ŕ preoccupante quanto quella economica e sociale. Si ha l'impressione di essere governati da una classe politica immobile, preoccupata solo di rispettare i parametri fissati dai trattati europei, gli effetti catastrofici sulla popolazione e le imprese sono solo dei fastidiosi effetti collaterali. L'informazione ha il compito, finora ben eseguito, di parlare d'altro.

 

 

 

 

 

TORNA SU