HOME VULCI

La Città: Porta Ovest e il Tempio Grande

  Vulci sorse su di un pianoro tufaceo di modesta altezza (ca. 70 m) situato sulla riva destra del fiume Fiora, a circa 20 km dalla costa tirrenica. L'area della città era delimitata ad est dal Fiora, a nord dal Fosso Fontanile e a sud dal Fosso di Giano; ad ovest solo una lieve depressione separava la città dalla pianura circostante. Nella zona erano presenti già dalla prima età del ferro (IX secolo a.C.) alcuni villaggi villanoviani di capanne nell'area dell'acropoli, sullo sperone dominante la Porta meridionale e a sud della Porta Ovest.
 

Argomenti correlati
Città di Vulci

> La Città
> Domus del Criptoportico
> Mitreo
> Sacello di Ercole e Porta Est
> Porta Nord

Porta Ovest
Porta Ovest
 

Piccola costruzione in opus incertum, forse una basilichetta tardo-antica
Piccola costruzione in opus incertum, forse una basilichetta tardo-antica

  La formazione della città etrusca si può far risalire ad un periodo compreso tra i decenni finali dell'VIII e la prima metà del VII secolo a.C. Vulci conobbe il suo massimo sviluppo urbanistico tra la fine del VII e per tutto il VI secolo a.C.La costruzione della cinta muraria risale alla prima metà del IV secolo a.C, realizzata con blocchi squadrati di tufo e rinforzi in nenfro. Nella cinta si aprivano cinque porte, corrispondenti ad altrettanti assi viari di collegamento con il territorio circostante: sono ancora visibili le porte Nord, Est ed Ovest. Ma iniziamo il nostro tour nella città antica: dalla Porta Ovest si accede all'area archeologica. Sono visibili alcuni tratti della struttura in blocchi di tufo ed i resti di un acquedotto romano. Quest'ultimo, adiacente alla porta, presenta un paramento in opera reticolata e forse alimentava un impianto termale pubblico. Nei pressi del piazzale antistante la porta e lungo la strada vicinale che conduce alla città sono conservati ulteriori tratti di acquedotto. Dalla porta Ovest prende avvio il decumano massimo, la strada che funge da direttrice est-ovest dell'abitato, costituito da basoli di tefrite.
 

Edificio absidato in laterizio

Edificio absidato in laterizio

  Percorrendo il decumano si nota, sulla destra, una costruzione di notevole altezza, a pianta rettangolare, absidata sul lato ovest. Realizzato in opera laterizia, l'edificio risale al II secolo d.C. e si imposta su preesistenti strutture in tufo. Alcuni studiosi hanno ipotizzato che si tratti di un'aula delle terme del foro, localizzate in questa parte della città in base alla cartografia ottocentesca. Più avanti, sempre sul lato sinistro, si incontra una piccola costruzione ( m. 5,95 x 4,20) a pianta rettangolare in opus incertum con ricorsi in laterizio e con una abside che potrebbe far pensare ad una basilichetta tardo antica o addirittura a una chiesetta alto-medioevale.
Proseguendo lungo il decumano, sul lato nord si presenta l'imponente basamento del Tempio Grande aventi i lati di m.36,5 x 24,5. Sono visibili almeno sei file di blocchi squadrati di tufo e, sul lato est, una parte del rivestimento in nenfro che foderava in origine la struttura. L'alzato del tempio era probabilmente costituito da un'unica cella, con un colonnato continuo sui quattro lati, raddoppiato sulla fronte da quattro ulteriori colonne; era inoltre preceduto da un avancorpo, tutt'ora visibile, con gradinata centrale. Il tempio rivela almeno due fasi costruttive. Alla più antica (intorno alla metà del IV secolo a.C.), si riferiscono numerose terrecotte architettoniche, rinvenute nella parte est dell'area e, forse, anche i rocchi di colonne e alcuni capitelli ionici a volute lisce; questi ultimi, localizzati ai margini dell'area di scavo, risultano attualmente reinterrati. Nella prima età imperiale il tempio subì un completo rifacimento che comportò la sostituzione degli elementi lignei dell'alzato con strutture in travertino e in opera cementizia. Segnaliamo, fra i numerosi elementi dell'alzato crollati a terra e visibili nell'area circostante il monumento, un frammento di architrave con resti di iscrizione.
 

I resti del Tempio Grande
I resti del Tempio Grande

 

Il Decumano, la direttrice Ovest-Est della città
Il Decumano, la direttrice Ovest-Est della città


TORNA SU