HOME VULCI

La Cittā: la Porta Nord

  Proseguendo in direzione ovest, verso la Porta Nord, si attraversa un bosco costituito da piante tipiche della regione mediterranea (querce, filliree, aceri). Alla Porta Nord si accede da una strada che in origine, proseguendo verso nord, collegava Vulci con i centri dell'alta valle del Fiora.
 

Argomenti correlati
Cittā di Vulci

> La Cittā
> Porta Ovest e Tempio Grande
> Domus del Criptoportico
> Mitreo
> Sacello di Ercole e Porta Est
 



La Porta Nord
 

  I resti della porta fanno supporre che questa si presentasse come una struttura imponente, incorniciata dalle mura urbane.
A ridosso del lato ovest, esternamente, fu individuata una stipe votiva ricca di materiali, che documentano un culto legato alla fertilitā, lungo un arco cronologico che dall'etā ellenistica giunge sino alla fine del I secolo d.C.
 Percorrendo un sentiero che conduce in prossimitā del Fosso Fontanile, e osservando le ripide pareti settentrionali del pianoro su cui sorge l'abitato, č possibile scorgere alcuni blocchi di pietra, relativi alla cinta muraria. In prossimitā del fosso si trovano alcune tombe, parzialmente interrate, scavate nel bancone roccioso. Poco distante si scorge il paramento in opera reticolata di un edificio ancora da esplorare. Volgendo verso sinistra, si raggiunge nuovamente la Porta Ovest, punto di partenza della nostra visita ai resti della cittā etrusco-romana. 
 


TORNA SU