I Sotterranei

ACQUISTA IL CD DEL PALAZZO FARNESE DI CAPRAROLA. UNA VISITA VIRTUALE CON DECINE DI IMMAGINI AD ALTA RISOLUZIONE E FILMATI. CLICCA QUI

di Giacomo Mazzuoli

Clicca sull'immagine per corrispondere con l'autore


   

Il locale centrale dei Sotterranei con al centro "Il Bicchierone"

Pianta dei Sotterranei


  Al termine della Via Dritta, il lungo rettifilo che percorre tutto il borgo di Caprarola, il primo raccordo col grande palazzo avviene tramite una breve serie di gradini che conduce al primo livello di forma ellittica sul cui fondo una loggia rustica introduce ai locali del "Cantinone", costituiti da tre vani scavati nel tufo con funzione appunto di cantine. Due rampe ovali a gradoni conducono al livello successivo, quello del Gran Piazzale di forma trapezoidale da cui si può osservare da vicino il fronte del palazzo.
 

Al centro c'è un vasto portale che immette nei sotterranei e permetteva l'ingresso delle carrozze, che in questo modo potevano trasportare proprietari ed ospiti direttamente ai piedi della scala elicoidale interna, che mette in comunicazione questo piano con quello dei Prelati ed il Piano Nobile. Gli ambienti dei sotterranei erano scavati nel tufo e vi erano disposte le cucine, le dispense, la mola per il grano ed il cosiddetto "Bicchierone", un grande cono rovesciato destinato all'immagazzinamento dell'acqua piovana che proveniva dal mascherone di travertino situato al centro del cortile soprastante.

   

L'ingresso al "Cantinone"

Le cucine
   
   

Torna su


Tutto il complesso architettonico, il Palazzo con i Giardini ed il Parco, sono di proprietà dello Stato Italiano che ne cura il restauro, la manutenzione e la fruizione da parte del pubblico attraverso la Soprintendenza per i Beni Ambientali ed Architettonici del Lazio.
L'orario delle visite è dalle 9 alle 16 -  Tel. 0761/646
052