Il Ponte Funicchio

 

 

Stampa

di Giacomo Mazzuoli

Clicca sull'immagine per corrispondere con l'autore


Il ponte Funicchio allo stato attuale

Il Ponte Funicchio in una cartolina del 1904 Il ponte Funicchio da una cartolina del 1908 (dal sito www.viterboincartolina.it)

Noi l'abbiamo scoperto in maniera un pò inconsueta. Sapevamo della sua esistenza dalla lettura del Giannini "Centri Etruschi e Romani dell'Etruria Meridionale". Nel capitolo dedicato a Ferento viene evidenziata dall'autore la presenza di ben tre ponti di epoca etrusco-romana sul fosso Piscin di Polvere posti a una distanza di appena duecento metri l'uno dall'altro: il ponte Funicchio, il Pontaccio e il ponte delle Caselle. Pensavamo che fossero rimasti in loco pochi resti e non abbiamo mai dato importanza alla cosa finchè, navigando su ebay, ci siamo imbattuti in una cartolina del 1904, che raffigurava una imponente costruzione a due arcate ottimamente conservata e la scritta " Viterbo, Ponte Etrusco detto Ponte Funicchio sul fosso Piscin di Polvere". Una breve ulteriore ricerca e troviamo sul sito viterboincartolina.it una card molto simile, sempre dei primi anni del 1900, con una foto del ponte e due persone che vi si affacciano, a testimonianza del fatto che al'epoca era ancora accessibile. Naturalmente abbiamo cercato informazioni sullo stato attuale del ponte e sull'accessibilità dei luoghi. L'opera ancora esiste e si eleva in tutta la sua imponenza, sia pur avvolto da una generosa vegetazione. Recentemente l'abbiamo visitata, qui sotto troverete il video della nostra escursione pubblicato su youtube nella serie Nuovi Grand Tour della Tuscia.

Sempre dal Giannini: il ponte è largo mt. 2,60 e alto 16 metri circa. Ha due arcate che poggiano direttamente sui fianchi delle scoscese rupi di peperino. Il pilastro centrale poggia su enormi massi, caduti sul fondo del torrente. Costruito in opera quadrata regolare con bugnato, sembra doversi attribuire alla fine del II secolo a.C..

 

 

 

 

TORNA SU